Privacy Policy
Ristruttura casa sostituzione caldaia, condizionatori, piano casa , impianti solari, fotovolatici, energie rinnovabili

Agevolazioni per acquisto beni strumentali fotovoltaico mini-eolico cogenerazione

beni strumentali fotovoltaico

 Agevolazioni per acquisto beni strumentali fotovoltaico mini-eolico cogenerazione

Partono le agevolazioni alle Pmi per l’acquisto di beni strumentali

Inclusi anche il fotovoltaico, il mini-eolico e la cogenerazione. Fino al 31 dicembre 2016 sono a disposizione finanziamenti di importo compreso tra 20.000 e due milioni di euro
01 Aprile 2014

Lo strumento introdotto con l’articolo 2 del Decreto legge “del Fare” n.69/2013, finalizzato a migliorare l’accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese che intendono investire in beni strumentali (detto anche “Beni Strumentali” o “NuovaSabatini”), riguarda anche chi fa investimenti in impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili, in impianti di cogenerazione e in micro-generatori. In particolare, l’acquisto di un impianto fotovoltaico funzionale allo svolgimento dell’attività d’impresa è considerata spesa ammissibile alle agevolazioni. Sono ammissibili anche gli impianti di cogenerazione, di mini-eolico (ma non quelli “infissi al suolo”) e micro-generatori non dotati di autonomia funzionale e reddituale. Per la cumulabilità degli incentivi con l’agevolazione “Beni Strumentali” si dovrà fare riferimento ai limiti previsti all’art. 26 D.lgs. 28 del 2011 e ai regolamenti di esenzione applicabili al settore specifico.

Partono le agevolazioni alle Pmi per l'acquisto di beni strumentali

 “destinatarie del provvedimento sono tutte le realtà, operanti in tutti i settori produttivi, inclusi agricoltura e pesca, che realizzano investimenti (anche mediante operazioni di leasing finanziario) in macchinari, impianti, beni strumentali di impresa e attrezzature nuovi di fabbrica ad uso produttivo, nonché investimenti in hardware, software e tecnologie digitali”. Unici settori eslcusi sono l’industria carboniera, le attività finanziarie e assicurative, la fabbricazione di prodotti di imitazione o di sostituzione del latte o dei prodotti lattiero-caseari. Inoltre, le Pmi devono avere hanno una sede operativa in Italia ed essere regolarmente iscritte nel Registro delle imprese; non devono essere in liquidazione volontaria o sottoposte a procedure concorsuali e non devono essere in condizioni tali da risultare impresa in difficoltà.

Come dice la nota del ministero

La misura prevede la costituzione presso la Cassa Depositi e Prestiti di un plafond di risorse (fino a un massimo di 2,5 miliardi di euro, eventualmente incrementabili con successivi provvedimenti fino a cinque miliardi) che le banche e gli intermediari finanziari, previa adesione a una o più apposite convenzioni tra il ministero dello Sviliuppo, l’Associazione Bancaria Italiana (Abi) e Cdp, potranno utilizzare per concedere alle Pmi, fino al 31 dicembre 2016, finanziamenti di importo compreso tra 20.000 e due milioni di euro.
Non solo. L’iniziativa prevede anche la concessione da parte del Mise di un contributo in favore delle Pmi che copre parte degli interessi a carico delle imprese sui finanziamenti bancari. Lo stanziamento complessivo è pari a 191,5 milioni di euro per gli anni 2014-2021. Infine, il Decreto del Fare dà la possibilità di beneficiare del Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese, fino alla misura massima prevista dalla vigente normativa (80% dell’ammontare del finanziamento), sul finanziamento bancario, con priorità di accesso.

La misura prevede la costituzione presso la Cassa Depositi e Prestiti di un plafond di risorse

Cosa deve fare un’impresa per sfruttare questa opportunità? Il governo in questa occasione ha promesso una procedura snella. Per un’impresa è infatti sufficiente presentare alla banca, tramite posta elettronica certificata, un’unica dichiarazione-domanda per la richiesta del finanziamento e per l’accesso al contributo ministeriale, attestando il possesso dei requisiti e l’aderenza degli investimenti alle previsioni di legge. Una volta che la banca ha adottato la delibera di finanziamento, il Mise procede a su a volta (“in tempi molto contenuti” si legge nella nota) alla concessione del contributo e a darne comunicazione all’impresa. L’erogazione del contributo è prevista al completamento dell’investimento autocertificato dall’impresa ed è effettuata in quote annuali secondo il piano di erogazioni riportato nel provvedimento di concessione.
Le imprese possono presentare le domande per la richiesta dei finanziamenti e dei contributi a partire dalle ore 9.00 del 31 marzo 2014. L’elenco delle banche e degli intermediari finanziari interessati ad aderire è disponibile nel sito dell’Abi. L’elenco è consultabile anche sul sito di Cdp. Ulteriori informazioni sono disponibili a questo indirizzo.

Fonte: http://www.energymanagernews.it/01NET/HP/0,1254,51_ART_157786,00.html
ECOSOLE di Pelizzaro Corrado
Via S.Antonio, 49
35010 VIGONZA (PD)
049-725671049-725671
348-8967929348-8967929

 

 

 

 
Comments